Strategie Aree Urbane

L’Accordo di Partenariato tra Stato Italiano e Unione Europea, adottato dalla Commissione Europea in data 29 ottobre 2014 con decisione C(2014) 8021, alla Sezione 3 recante “Approccio integrato allo sviluppo territoriale da realizzare mediante i fondi SIE”, con riguardo alle strategie urbane, prevede che i temi e le priorità d’intervento dell’Agenda urbana sono declinate nei Programmi Operativi Regionali secondo le specificità di ciascuna Regione all’interno della cornice comune stabilita nell’AP e che le Regioni stabiliscono esplicitamente nei loro Programmi le modalità organizzative con cui strutturare gli investimenti dell’Agenda urbana e gli strumenti attuativi, scegliendo tra due modelli attuativi: un Asse dedicato riferito a diversi Obiettivi tematici ovvero Investimento Territoriale Integrato (ITI) per ciascuna Agenda urbana; per entrambi i modelli i Programmi Operativi esplicitano le assegnazione di risorse dedicate all’Agenda urbana declinandole per Obiettivo Tematico; Con riguardo alla strategia di sviluppo urbano, le “Linee guida per gli Stati membri sullo sviluppo urbano sostenibile integrato (Articolo 7 del regolamento FESR)” della Commissione Europea, che affrontano, tra le altre, specifiche problematiche delle autorità nazionali, regionali e locali riguardanti l'attuazione dello sviluppo urbano sostenibile integrato di cui all'articolo 7 del regolamento FESR e forniscono indicazioni sulla redazione di strategie urbane integrate ove per “Strategia di sviluppo urbano integrata” si intende una strategia che prevede azioni integrate per far fronte alle sfide economiche, ambientali, climatiche, demografiche e sociali che si pongono nelle aree urbane, tenendo anche conto dell’esigenza di promuovere i collegamenti tra aree urbane e rurali.

Il POR FESR FSE Molise sostiene una strategia territoriale trasversale, rivolta all’intero territorio regionale ed, in particolare, definisce la composizione delle Aree urbane – di composizione ristretta secondo le indicazioni comunitarie e nazionali – secondo quanto segue:

o Area Urbana di Campobasso: Campobasso, Ripalimosani e Ferrazzano
o Area Urbana di Termoli: Termoli, Campomarino, San Giacomo degli Schiavoni e Guglionesi
o Area Urbana di Isernia: Isernia, Pesche e Miranda;

Con Deliberazione della Giunta regionale n. 56 del 24/02/2016 “Programmazione 2014-2020 – Strategia Aree Urbane” è stato, in particolare e tra l’altro, approvato il form aggiornato nella sua versione 3, contenente anche la definizione delle risorse finanziarie con riguardo alle Azioni “territorializzate” del POR FESR FSE 2014-2020 e sono stati qualificati, quali Organismi Intermedi, ai sensi dell’art. 123 del Reg. UE 1303/2013, le Autorità Urbane, identificate nei Comuni di Campobasso, Termoli ed Isernia.